QUELLI DI

logo quelli di ilovesduit

logo quelli di ilovesduitè il risultato di coloro che hanno sposato il progetto.

Un Gruppo strutturato che si sviluppa in orizzontale e in verticale, composto da Imprese, Professionisti, Associazioni, Amministrazioni Comunali, Studenti, Cittadini e chiunque voglia partecipare.

 

La filosofia è quella di promuovere il territorio non attraverso i prodotti identificati nella singola azienda, bensì di valorizzare il brand Calabria attraverso una comunicazione che porti alla reale conoscenza del nostro territorio, una Calabria buona e bella, sia a livello locale sia nazionale. Le eccellenze autoctone delle realtà imprenditoriali perdono la loro qualità meramente commerciale e assumono valore identitario, marchiandosi all’unanimità con il brand “ILoveSudit”. 

Fare rete, osando e, in un’epoca di profondi cambiamenti, avere una visione del futuro, con tutti i rischi che ciò comporta.

Un ruolo determinante lo rivestono le attività produttive del territorio che hanno voglia e capacità di espandersi nei mercati nazionali ed esteri, ma anche le mille piccole realtà d’eccellenza, a cominciare dalle strutture turistiche e d’accoglienza sino ai servizi, che hanno l’urgenza di scommettere sulla qualità. Gli imprenditori di “Quelli di ILoveSudit” sono la componente creativa e distributiva delle bellezze e delle tipicità del territorio.

Le basi ci sono già: non bisogna inventarsi nulla, ma sfruttare l’esistente in maniera discreta ed intelligente.

Con JurekaIncontri, “Quelli di ILoveSudit” si prefiggono di incrementare il Gruppo, in un percorso virtuoso e fuori dai luoghi comuni che sta dando primi risultati. L’obiettivo è quello di realizzare un vero e proprio “gruppo strutturato” che possa operare nell’ambito della promozione del territorio nella completa condivisione della filosofia di “ILoveSudit” in autonomia rispetto alle politiche messe in campo dalle varie istituzioni di riferimento.

 L’innovazione della formula è rappresentata dalla volontà di realizzare un’inversione di tendenza ormai divenuta inderogabile: non possiamo limitarci a sostenere o contrastare le politiche istituzionali, è giunto il momento di diventare “protagonisti” del cambiamento.